CoViD19: guerra a un nemico invisibile?